YOUng è diventato il primo social paper al mondo! Iscriviti e scopri tutte le sue nuove funzionalità

Iscriviti adesso a YOUng.

Clicca qui!

oppure

Iscriviti con

- più tardi / sono già YOUnger -

Accedi a YOUng per usare questa funzione.

Sei già un YOUnger?

oppure

Accedi con Facebook

Devi ancora iscriverti?

Clicca qui!
ParcelScout - Confronta Corrieri
Caricamento in corso...
Cover photo
Antonio Severino
Antonio Severino
2 11
Contattami
GID: LA PUBERTA’ NEGATA

Cosa scrivo

GID: LA PUBERTA’ NEGATA

Social Score0 shares
Mi stanno seguendo... (2 YOUngers)
golagaia Imma I.
Sto seguendo... (11 YOUngers)
Deborah Caruso Chiara Amendola Già Da mariagiovanna Imma I. Erminia Voccia Veronica Valli Simona Vitale

Antonio Severino nasce ad Avellino il 19/05/1985.
Castellabate la sua patria sentimentale oltre che seconda casa, il ramo paterno della sua famiglia è infatti originario di quei luoghi.
Completa gli studi superiori con fatica, la scuola gli sta stretta, gli sta stretto regimentare i suoi pensieri dentro regole e solchi prestabiliti e determinati. Dopo la maturità scientifica si avvicina prima all'archeologia frequentando il corso di Laurea Triennale in Scienze dei Beni Culturali presso L'Università degli Studi di Salerno. Determinante fu il suo primo esame: un 30 ottenuto sostenendo "Tradizioni popolari" corso tenuto dal Prof. Vincenzo Esposito.
Da quel momento si accorge progressivamente di essere attirato da quella complessa disciplina di confine che è l'Antropologia Culturale. Prosegue gli studi e continua gli esami del curriculum archeologico ma non manca occasione per inserire nel piano di studi qualche esame di Antropologia Religiosa, Culturale, insomma qualunque cosa relativa alla materia dalla quale era rimasto affascinato.
Grazie anche all'interessamento del Prof. Esposito, Antonio comincia a partecipare e ad essere coinvolto nelle attività di ricerca della cattedra e comincia anche ad apprendere le tecniche della documentazione audio video utilizzata dal professore per le sue indagini.
Dopo aver progressivamente scoperto quindi che anche l'Archeologia non è il suo primario interesse, Antonio Severino conclude il percorso triennale con una tesi in antropologia culturale relativa al folklore irpino dal titolo :"Janare maghi e lupi mannari. Etnografia del sovrannaturale a Forino".
Non essendoci un percorso specialistico in Antropologia Culturale a Salerno, decide di trasferirsi a Roma, all'Università degli Studi La Sapienza, dove segue il corso di laurea in Discipline Etno Antropologiche. Nel periodo romano, non si interrompono i rapporti con il Prof. Esposito, che lo continua a tenere coinvolto nelle varie attività di ricerca della cattedra salernitana.
Proseguono i lavori sul campo, le ricerche, la riflessione sui dati audiovisivi e le sessioni di montaggio in laboratorio.
Nel frattempo il periodo romano è di grande stimolo intellettuale. I due anni trascorrono velocemente ed arriva il momento della seconda Laurea, la specialistica. Antonio si laurea con 110elode con una tesi in Antropologia Culturale di carattere storico antropologico visualista intitolata "Con lo sguardo di Vesna. Racconto, immagini e memoria nell'arte di Vesna Ljubic". Seguito dalla Prof.ssa Anna Maria Iuso e dal sempre presente prof. Esposito, il suo lavoro di ricerca ha toccato il tema spinoso delle guerre jugoslave, ricostruito ed analizzato dal punto di vista di un'artista Bosniaca, la regista Vesna Ljubic: Autrice di documentari in cui le atrocità e le sofferenze patite dalle popolazioni coinvolte vengono condensate in linguaggio filmico grazie alla sensibile poetica che caratterizza i suoi lavori.
Continua adesso la collaborazione con il prof. Esposito, in maniera del tutto volontaria e per amore di una materia che lo coinvolge e lo affascina.
Esperto nel montaggio e nell'editing audio-video per la realizzazione di modelli interpretativi antropologico visuali.
Presidente dell'Associazione Mercogliano Smartcity, gruppo coinvolto nella promozione delle tematiche legate alle buone pratiche amministrative del territorio mercoglianese, alle modalità virtuose di governo e valorizzazione.
Giocatore di Pallavolo nonchè allenatore.
Cantautore con il gruppo ReAAzione con il quale si diletta a produrre inediti.
Scrive per la testata giornalistica Cronache del Salernitano collaborando per l'inserto culturale settimanale "Ulisse Cronache".
Alla ricerca perenne di una prospettiva di vita.