30 euro al giorno agli immigrati: la bufala ed il cattivo giornalismo

Pubblicato il 26 febbraio 2015

Immigrazione: veliero giunto porto R.Calabria, presi scafisti

L’editoriale di Germano Milite

30 euro al giorno agli immigrati mentre i pensionati italiani non arrivano alla fine del mese?”

E dopo Matteo Salvini arriva anche la “collega” (non riesco proprio a considerarla tale, mi scurete) Chiara Giannini, 6000 fan su Facebook guadagnati a colpi di piagnistei contro “i giornali di sinistra”, razzismo strisciante e patriottismo stereotipato alla “ridateci i Marò”, in un post recente inveisce contro questi presunti profughi scrocconi, lamentandosi per i 500 euro al mese che guadagna in media pur facendo la cronista a 41 anni suonati.

Ora la tipa sembra di quelle “toste”, celoduriste; di quelle che “spezzano le reni” senza peli sulla lingua. Di conseguenza anche io eviterò inutile galanteria (sarebbe troppo “buonista”, no?) e ci andrò giù abbastanza duro, nel rispetto della piena libertà d’opinionine e di critica argomentata.

30 EURO AL GIORNO AGLI IMMIGRATI? NO: 75…AL MESE

Per la cronaca, la famosa (e strumentalizzata) diaria giornaliera non viene data direttamente al migrante ma ai cosiddetti centri di prima accoglienza per i richiedenti asilo (CARA). Centri che, precisiamolo, accolgono solo ed esclusivamente profughi per motivi umanitari e per un massimo 20-35 giorni per gli immigrati non ancora identificati e di restanti sei mesi per quelli che sono stati riconosciuti come rifugiati. La cifra comprende tutta l’assistenza di base ed una scheda telefonica internazionale da 15 euro, che però il profugo deve farsi durare per tutto il soggiorno garantito, ovvero 6 mesi. In tutto, questi “privilegiati”, dal punto di vista strettamente monetario, prendono soltanto un buono giornaliero da 2,50 euro, ovvero “ben” 75 euro al mese. E per una persona fuggita da un paese in guerra e che di sicuro se potesse se ne starebbe comodamente “a casa sua” , evitando di rischiare la morte su un barcone, 15 euro di telefonate in 6 mesi e 2,50 al giorno non ci sembrano poi un trattamento di lusso per cui gridare allo scandalo. Tra l’altro questi fondi sono, come chi è minimamente informato sa bene, europei e non certo erogati esclusivamente dal nostro governo. Ergo equiparare le pessime condizioni in cui versano molti italiani (alcuni dei quali, diciamocelo, anche meritandoselo) ai presunti “privilegi” degli immigrati è non solo demagogico e scorretto, ma sinonimo di ignoranza imbarazzante e malafede evidente. 

LA CONSUETA GUERRA TRA POVERI

Prendersela con questa categoria di persone è, quindi, sul serio inumano ed ottuso, o come detto da persone in malafede che sperano di racimolare facile consenso tra le frange più grette e disperate della popolazione, fomentando la consueta e triste guerra tra poveri contro poverissimi dove a vincere sono sempre i soliti potenti e potentissimi.  Ora: se Chiara Giannini non conosce le informazioni che ho diffuso, in tutta evidenza, non è certo una giornalista che meriterebbe compensi dignitosi e posti di lavoro gloriosi. Se le conosce e le strumentalizza, andrebbe direttamente radiata e da cronista non dovrebbe guadagnare neppure quei 500 euro al mese che non le permettono di vivere dignitosamente.

Abbiamo già troppi politicanti propagatori giornalieri e beceri di disinformazione xenofoba, non serve che anche i giornalisti si aggiungano al coro stonato, nel disperato quanto goffo tentativo di racimolare così un po’ di visibilità ( o di sfogare un po’ di frustrazione repressa). Alla cara Giannini, che si lamenta giornalmente dei suoi colleghi “semplicemente diplomati” che guadagnano 10 volte più di lei solo perché, a suo dire, sarebbero “di sinistra” o venduti, invito a riflettere su una considerazione che mi è venuta in mente qualche giorno fa: “Non giustificare mai i successi altrui è il modo più vigliacco, odioso e patetico per giustificare sempre i propri fallimenti”. E magari, esimia collega, dopo 20 anni di insuccessi o comunque di gratificazioni economiche così magre, l’idea di cambiare mestiere e fare altro nella vita potrebbe anche sfiorarti. Un po’ di umiltà, soprattutto da chi non è mai arrivato dove voleva, sarebbe opportuna e porterebbe con se anche un po’ di salvifica dignità. Ma magari questa sua campagna ossessiva contro i più deboli, la porterà ad ottenere qualche ricompensa dai partiti di destra o dalla Lega Nord di Salvini. 

0
© Riproduzione riservata

PER APPROFONDIRE Tags , ,
  • Delafuerte

    Non sarai mica TU il giornalista, vero Milite?!?!?!

    • younginforma

      Per quel che valga un tesserino, sì: giornalista professionista iscritto all’albo della Campania dal 2010. A parte questa disutile e ridicola domanda ha qualcosa di intelligente e costruttivo da scrivere, magari senza nascondersi dietro l’anonimato, o continuerà a tentare pateticamente di attaccare lo scrivente non potendo contestarne il contenuto?

      Gm

      • Delafuerte

        Avendo attaccato lei per primo (e senza un vero motivo) la Giannini, non si lamenti se poi qualcun altro le rende pan per focaccia.
        Dimostri un minimo di coerenza!

        • younginforma

          Infatti, per i non analfabeti completi, proprio nell’incipit c’è scritto “EDITORIALE DI GERMANO MILITE”. Editoriale. Sa cos’è? E qual è la differenza (enorme) rispetto ad un articolo di giornale? Evidentemente no. Per il resto non avevo la sfortuna di conoscere la Giannini. L’ho conosciuta solo oggi attraverso i suoi post deliranti e razzisti e l’ho criticata con una motivazione valida ed evidente, sempre ai non analfabeti totali. E non mi lamento, in ogni caso: al massimo rispondo a tono agli imbecilli che insultano senza una minima argomentazione vali da mostrare. Non basta una tessera per fare un giornalista, concordo al 100%. Si figuri se basta saper leggere e scrivere per esprimere pensieri sensati e degni di nota.

          • Delafuerte

            Ah capisco, grazie per avermi illuminato che siccome uno lo chiama editoriale può pontificare anche se gli prude il deretano e meritare il rispetto di un editoriale serio.
            “6000 fan su Facebook guadagnati a colpi di piagnistei contro “i giornali di sinistra””
            ….queste sarebbero le SUE valide ragioni, su una persona che per di più conferma di non conoscere nemmeno?!
            A ben vedere l’unico che insulta (anche appena qui sopra) è proprio lei.
            Tipico atteggiamento di chi sta rosicando perché non ha, evidentemente, le stesse attenzioni dedicate alla sua “collega” (si, penso che anche la Giannini si offenda a pensare a lei come tale)!

          • younginforma

            Giusto per smontare questa sua ennesima castroneria, anche se detesto le ridicole gare a chi ce l’ha più lungo: qui ho 20.000 lettori al giorno ed altri 600.000 iscritti al mio network su Facebook. Quindi no: accetti e consideri l’idea che una critica possa nascere non soltanto dall’invidia (di cosa e di chi?) ma anche da una divergenza di pensiero ed approccio ad un determinato tema.

            Quando avrò argomenti più maturi e meno imbarazzanti sarò pronto a discuterne.

            Buone cose.

          • Delafuerte

            “quando avrò argomenti più maturi e meno imbarazzanti sarò pronto a discuterne”
            Guardi l’ha detto lei e non certo io, infatti le sue argomentazioni non hanno nulla di maturo e sono assolutamente imbarazzanti.
            Per quanto mi riguarda penso di aver già perso troppo tempo con lei.
            Addio

          • pandapois

            Bravi tutti quanti, ottimo livello di conversazione. Si vede che avete studiato. Bravi davvero…..

      • Delafuerte

        Che poi, a ben vedere, il suo “articolo” di giornalistico non ha proprio nulla; un pretestuoso post per insultare una persona che le sta chiaramente “sui maroni”, non è informazione ma solo una lite da scolaretto che vorrebbe dimostrare (senza riuscirci) di essere più bravo del compagno di classe.
        Non basta un a tessera per fare un giornalista!

  • stefano lelio

    saranno pure 2,50 euro, perché gli altri ve li intascate voi per fare disinformazione…… ma non preoccuparti caro giornalista INFAME, Stiamo aprendo gli occhi!!!

    • younginforma

      Il suo commento è passibile di denuncia per diffamazione. Fossi uno che vuole vivere sulle spalle del prossimo, data anche la mia stretta collaborazione con uno studio legale internazionale, le farei subito una querela che avrei praticamente già vinto. Ma stia tranquillo: sono da sempre contrario alle cause di questo tipo, anche quando risultano sacrosante.

      Detto questo, voi purtroppo gli occhi continuate ad averli strabici, puntati nella direzione sbagliata ed incapaci di darvi una visione che sia più ampia di quella che comprende la punta del vostro naso. La cosa triste è che potete esprimervi e votare anche voi.

      • stefano lelio

        Uaooohooooo che esempio di democrazia!!!! Non credo lei sia un giornalista…..
        E, stia tranquillo noi gli occhi li abbiamo puntati finalmente nel verso giusto, perchè ci siamo stufati di essere trattati da cittadini senza serie sapendo che con le nostre tasse (non ci vuole far votare, PRETENDE PERO’ CHE SI PAGHINO VERO?) non solo manteniamo pseudo giornalisti arruolati come lei, ma manteniamo anche coloro che sanno come approfittarsi del sistema, sapendolo marcio e colluso!!!

        • costantino

          Il tuo livello di stupidta’ e paragonabile Ai sudditi leccaculisti berlusconiani e o detto tutto!

          • stefano lelio

            la grammatica??? troppo difficile vero???

          • younginforma

            Chi considera i dati statistici e la matematica “demagogia” ed i discorsi di Salvini pregni di contenuto e concretezza andrebbe, ribadisco, privato del diritto di voto e di parola. Ripeto per l’ennesima volta che non sono di sinistra ma mi rendo conto che l’interlocutore non riesca a vedere il mondo con più di due opzioni possibili. Me ne dispiaccio ma mi arrendo dinanzi a contata grettezza…

          • stefano lelio

            Alla fine della fiera abbiamo smascherato chi non sapendo argomentare fa copia incolla (offendendo) direttamente dal suo cervello, avulso dalla parola DEMOCRAZIA!!!!

        • younginforma

          Lei non mi mantiene neppure per sbaglio, dato che mi pago e ripago con fondi PRIVATI grazie alla mia attività imprenditoriale e giornalistica. Precisato questo, per me quelli come lei dovrebbero proprio perdere lo status di cittadini ed essere mandati in esilio, in campi di concentramento culturale. Quindi al massimo saremmo noi cittadini normodotati a dover sostenere voi analfabeti funzionali in un ipotetico mondo perfetto. Per sua informazione, l’Italia non crolla grazie anche alle TASSE VERSATE DAGLI IMMIGRATI, che pagano la sua e la mia pensione futura. Il saldo infatti è di circa 3 miliardi in ATTIVO per le casse dello stato, se consideriamo i contributi INPS ed IRPEF versati ogni anno dagli odiati stranieri. Senza considerare le sue adorate tasse servono in primis per pagare altri ITALIANI DOC che gestiscono i centri di accoglienza e si prendono cura dei rifugiati. Se poi ci sono anche Italiani DOC che sfruttano i disperati, la colpa non è certo dei disperati. Ma mi rendo conto che per persone tanto miopi certi discorsi siano paragonabili ad un testo scritto in arabo. Certo è imbarazzante, per un italiano tanto fiero di esserlo, non riuscire a leggere e comprendere un testo scritto nella propria lingua madre.

          Ps sono un giornalista professionista ma le assicuro che questo non conta assolutamente nulla.

          • stefano lelio

            Pura retorica e demagogia….. non mi convince affatto…. il problema di certo non riguarda chi si vuole integrare o è integrato…. normodotati, analfabeti, esilio, campi di concentramento, Lei continua a far vedere la sua sudicia parte democratica….. si Vergogni sinistrato fallito lei e la sua attività imprenditoriale che se tanto mi da tanto……

      • costantino

        Tutto sto’ razzismo….ditelo,ammettetelo…si siamo razzisti! Per conto Mio quando I vostri figli dovranno scappare dall’ItaGlia ( e lo faranno presto!!)solo allora capirete quanto siete “stronzi”!intanto votate la lega e I fasci….e mi auguro che un giorno di trovarvi Su un barcone in mezzo a cadavari calpestati e putrefazione e quando arrivate negli “altri paesi” vi sparino addosso cosi’…..a me I vostri ragionamenti fanno solo tanta tanta Pena!!

        • paolo

          e tu lo porti

          • paolo

            aumentiamo per gli stranieri e i nostri vecchi racimolano dentro i cassonetti

  • Cristiano Gardoni

    chi se ne frega se i 34 euri finiscono in mano dei clandestini o degli enti che li ospitano… 1200 euri al mese per loro e poco più di 200 per un invalido italiano…. da voltastomaco…. e secondo te i fondi europei chi li paga, la nigeria?

    • younginforma

      1. Non sono “clandestini” e basta, sono PROFUGHI richiedenti asilo. Persone che fuggono da guerra e morte, non turisti in gita a spese nostre.

      2. I fondi europei li pagano MILIONI DI CITTADINI, ergo a te a me questi profughi costano meno di un centesimo di euro. E se ci sono politiche vergognose per gli invalidi (ma evitiamo di citare i numerosi falsi invalidi all’italiana, vero?) la colpa non è certo di un bimbo siriano che tu vorresti lasciare morire in mare.

      Il voltastomaco a me lo dà il precario che si scaglia contro chi non ha nulla di nulla ed è messo addirittura peggio di lui, chi pensa che togliendo fondi alla gestione di un’emergenza umanitaria causata anche dalle nostre politiche estere si risollevi il paese, chi è tanto ottuso, miope ed egoista da credere che la colpa dei suoi fallimenti umani e professionali e di una bimbo siriano orfano che fugge dalla morte con gli zii e finisce in un CARA o in un Hotel che vuole ospitarlo.

      Dite direttamente che siete razzisti e xenofobi, senza tirare indietro altri sfortunati in questa odiosa ed assurda classifica di priorità. Se facessimo meno guerra per l’approvvigionamento di risorse naturali, ci sarebbe meno profughi da sfamare e meno disperati da ospitare.

      Questa gente, ripeto, non viene qui per sporto o per turismo. Non sa dove altro andare. Vi auguro di trovare persone migliori di voi, se mai vi troverete nelle stesse condizioni.

      • Giuseppe Del Giudice

        Quanti sono i siriani? Quanti sono i veri profughi rispetto ai semplici migranti (clandestini)? Quanti bambini senza assistenza sanitaria ci sono in Grecia e cosa sta facendo l’Europa per loro? Chi gestisce il traffico dei profughimigranti? Chi ci sta speculando qui in Italia (Buzzi, Coop remeber?)? Chi ha parteggiato e finanziato la bufala della Primavera Araba? Capisci che gli ambienti progressisti che vogliono pure fare la morale agli altri chiamandoli “razzisti” sono senza alcun titolo per farlo?

      • Cristiano Gardoni

        genio, dove ho scritto che i bambini siriani li lascerei affogare? occhio, sei un giornalista con tanto di tessera, non dovresti scrivere cazzate… ho parlato di clandestini non di profughi… conosci le percentuali effettive di persone a cui viene rilasciato lo status di rifugiato? dovresti informarti… detto ciò, dimmi per quale maledetto motivo, gli europei dovrebbero contenere PRIMA questa massa di immigrazione clandestina ( genio per la seconda volta, perche mare nostrum è solo una politica italiana e gli altri stati costieri li prendono a fucilate i barconi? ) piuttosto che impiegare quei fondi per le politiche sociali interne? te lo dico io, solo per il business criminale che questo tipo di immigrazione comporta… bassomanovalanza a 3 euro l’ora, Roma docet… sembri più un pennivendolo cattocomunista che un giornalista ragazzino….. ti consiglio di informarti meglio prima di scrivere cose inesatte, e di evitare di diffamarmi mettendomi in bocca frasi che non ho detto…. lascio perdere perche sei giovine…..

        • younginforma

          E si pensa, banalmente ed ottusamente, che tra i “clandestini” che tanto scioccamente demonizzate non ci siano anche innocenti e appunto bambini? Io sono molto informato su tutto ciò che riguarda questi temi ed il problema, per determinati sempliciotti arroganti, è proprio questo. Fuorviati dalla propaganda per gonzi, non riescono neppure a distinguere il vero dal falso e danno credito solo a ciò che conferma le proprie limitate e patetiche convinzioni. Tantissimi italiani “clandestini” sono fuggiti dall’Italia stretta da guerra e fame e si sono rifatti una vita in altri paese. Clandestino non significa “demone da uccidere” ma, me ne rendo conto, per certe persone questo concetto è troppo ostico da comprendere. Occorrerebbe studiare, informarsi sul serio e possedere umanità ed onestà intellettuale.

          PS ho 28 anni, non 18, quindi l nonnismo patetico possiamo anche evitarlo.

          • hughich

            ed a 28 anni non vedi quanti vivono di stenti vicinissimo a te ma ti preoccupi di quelli lontani mettendoli addirittura al di sopra? Alla tua età dovresti avere una vista migliore.

      • Alice Baldini

        MI DA DEI DATI TRA RICHIEDENTI ASILO E EFFETTIVI CHE L’ASILO LO RICEVONO? INOLTRE MI SPIEGA PERCHÉ 100.000 MIGRANTI HANNO FATTO PERDERE LE LORO TRACCE DAI CENTRI DI ACCOGLIENZA SE AVREBBERO AVUTO IL DIRITTO ALLO STATUS DI PROFUGO?

      • hughich

        senza che lei auguri niente a nessuno, ieri ho visto un anziano frugare in un cassonetto alla ricerca di cibo quindi c’è poco da augurare. Quando noi saremo vecchi e senza speranze come i poveri giovani profughi e clandestini che arrivano qui potremo solo morire di stenti perché non ci sono “fondi europei” né italiani per i nostri di poveri ed è sotto gli occhi di tutti. Apra anche i suoi.

  • Giuseppe Del Giudice

    3 euro a loro ma 34 stanziati che vanno comunque spesi. Quindi ogni immigrato ci costa circa 1000 euro al mese. Cattivo giornalismo è sostenere il contrario. p.s. i soldi “dell’Europa” sono i soldi che l’Italia versa alla UE prendendoli dalle tasse. Quindi i “soldi dell’E£uropa” non esistono, ma esistono i soldi dei contribuenti europei (anche italiani) che la UE destina ai clandestini.

    • younginforma

      Ripeto fino alla noia ciò che ho già scritto, in tutto questi immigrati ci costano meno di un centesimo a testa, considerando che l’Europa è composta da centinaia di milioni di contribuenti e che per fortuna i profughi da “mantenere” sono ancora infinitamente di meno. Ma poi mi viene da chiederle: quindi per lei la vita di una bambino Siriano scampano al massacro vale meno di 1000 euro al mese? Ma vi leggete quando scrivete certe cose? Roba da nazismo. Da chi crede che sia generate queste ondate migratorie? Da Babbo Natale? O dalle nostre scelte geopolitiche per l’approvvigionamento di risorse naturali? Lei a questa gente bombarda la casa e poi pretende anche di non risarcirla? 1000 euro al mese a chi ha perso ogni cosa? Non sono niente.

      Ps se anche io facessi “cattivo giornalismo”, lei sarebbe un triste sinonimo di cattiva umanità

      • Giuseppe Del Giudice

        Ok, già siamo arrivati al punto: 34 euro al giorno non è una bufala, ed i soldi non piovono dal cielo ma comunque dalle tasse degli europei, italiani compresi. bene. E’ già un passo avanti. Quanti sono i (veri) siriani e quanti i migranti (clandestini)? Chi ha sostenuto la bufala della Primavera Araba che ha causato questo disastro? l’Italia può permettersi di fare la crocerossina del Mondo intero? Si chiama pragmatismo. Iniziare la solita solfa del “razzismo” “nazismo” “cattiva umanità” è roba buona per strappare qualche lacrima (ipocrita) ma non per parlare e governare fenomeni simili.

        • Silvio

          guardi se può farle piacere metterla in questi termini, i 34 euro vanno a lavoratori, cooperative ed imprese italiane che per lavoro assistono profughi

      • Stefano Lodico

        Scusami, ma lo capisci cosa dici? Fai il moralista. 1000 € al mese si
        possono dare quando “i padroni di casa” (o italiani, chiamali come
        vuoi) ne guadagnano altrettanto. Cioè non dovrebbe esistere che gli
        “loro” sono pià agevolati di “noi”! Che senso ha? Poi, tu parli di gente
        che scappa per sopravvivere, io ti parlo di gente che viene qui per
        “vivere meglio” e sentirsi padrone di una terra che lo ospita
        egregiamente PICCHIANDO anziani e stuprando bambini ecc.

        Si ok,
        siamo tutti esseri umani, possiamo essere comprensivi, ma qui si parla
        di perdità della dignità. Stiamo diventando noi i clandestini!

        Attendo una risposta.

        • Luigi Scarpinati

          e gli italiani che picchiano gli anziani, le donne e i bambini che vengono picchiati e stuprati, gli italiani che rubano e frodano allo Stato (cioè a noi)… tutta brava gente. pensate che queste persone che emigrano dalle loro terre sono state private delle ricchezze naturali da noi civilissimi europei e occidentali (ma anche da paesi orientali)? e non ho capito: la perdita della dignità, di chi degli italiani, europei occidentali sfruttatori e di queste persone sfruttate?

          • hughich

            fortunatamente gli italiani non sono tutti come li descrive lei.

          • Luigi Scarpinati

            forse dovresti capire che nemmeno tutte queste persone sono come vengono descritti. e poi… loro sono 10 e 2 commettono stupri furti ecc. gli italiani sono 1000 e compiono 20 stupri, furti ecc. in numeri assoluti i reati commessi sono più quelli degli italiani che non quelli degli stranieri. Ad esempio per cui per ogni donna stuprata dagli stranieri ce ne sono 10 stuprate dagli italiani. o lo stupro degli italiani è accettabile e normale?

          • hughich

            Nessuno stupro è accettabile ed io smetterei proprio di fare una differenza se, a commettere un reato, è un italiano o uno straniero. Io in uno che stupra non vedo un italiano o un immigrato ma uno stupratore ed in uno che ruba un ladro. Che poi sia giallo verde nero o bianco a me interessa poco. Quello che ci vorrebbe in italia è il rispetto e l’applicazione della legge. Chi delinque in galera.

      • Anco Marzio

        Sei ignorante come una capra. Anzi una capra ha dei vantaggi rispetto a
        te: nella nostra ottusa democrazia non le rilasciano il tesserino di
        giornalista, purtroppo, con tutti i vantaggi assicurativi e pensionistici che
        paghiamo noi. Tu ci costi molto più di un povero immigrato, con le tue
        castronerie. Restituiscilo, rinuncia al tuo “status” e poi ne parliamo.
        Dubito che tu lo faccia, ti conviene così e ci sguazzi vero? Haha sei
        ridicolo, studia un po’ di storia magari, mentre non fai il
        “giornalista” ignorante e pressapochista, ne guadagneresti tu in consapevolezza di ciò che sei e non sprecheresti caratteri (pixel = corrente elettrica = energia) per
        ottenebrarci con le tue fesserie.

  • Federico

    Giusto arrivato sulla pagina per leggere le tue cazzate, poi ho visto la faccia da culo che ti sei messo come foto e ho capito tutto…

    • younginforma

      La mia “faccia da culo” è un’ottima argomentazione, in effetti, per confutare in maniera efficace ed incontestabile le mie “cazzate”.

      Mamma mia. Che livello…

  • Federico

    Sei solo un figlio di papà che ha studiato alla fantomatica università “Master a Chicago con Oscar Giannino” e ha visto troppe volte “I diari della motocicletta”. I migranti portateli tutti a casa tua, al posto di venire a rompere il cazzo a noi.

  • Federico

    Sei solo un figlio di papà che ha studiato alla fantomatica università “Master a Chicago con Oscar Giannino” e ha visto troppe volte “I diari della motocicletta”. I migranti portateli tutti a casa tua che paga il tuo di papi…

    • younginforma

      No, vabè. Federico tu sei un troll, vero? Mi dica di sì o le mie teorie sugli effetti nefasti del suffragio universale saranno purtroppo confermate. Il Master a Chicago con Oscar Giannino ovviamente è un’INVENZIONE, non esiste. E’ uno sfottò allo stesso Giannino che millantava di averlo preso. Come si fa a non saperlo/intuirlo? Significa proprio vivere fuori dal mondo contemporaneo.

      Comunque “papì” non mi paga più nulla fin dal mio 19esimo anno di età. Alla Giannini invece ancora integrano la paghetta ogni mese. E in ogni caso non devi rosicare per i ricchi e quelli che possono studiare in università prestigiose. Buon per loro.

  • Andrea Zaffaroni

    la diaria giornaliera mi mancava… ahhahahahah giornalaio.

    • younginforma

      Da quel che leggo, purtroppo per lei, le manca molto più di una semplice nozione di base sul tema.

  • Giorgio

    Le tasse che paghiamo noi, mi viene proprio da ridere con tutta la mafia e il tasso di evasione fiscale del nostro paese, che la gente stia pensando che i problemi derivano dagli immigrati. Forse la Germania e la Francia stiano pagando per gli immigrati, lì la gente che ruba e evade va in galera invece qui diventi politico, senatore, deputato, primo ministro e c’hai pure la pensione a vita.

  • Assad Mehmud

    Ho lavorato in un centro CARA e so benissimo che anche quelli 2,50 Euro non davano al inizio poi hanno cominciato quando hanno visto che tutti hanno saputo che è un diritto loro.
    quelli non sono i soldi ma i buoni e avevano accordi con degli negozianti che solo da loro possono comprare (le sigarette, le carte telefoniche, le ricariche ed altre cose della prima necessità)…. se ancora piange qualcuno rimarrà sempre cosi xk se è nato cosi non si può cambiare mai!

  • mario

    prendono 2.50 euro al giorno hanno 40 euro di ricariche ogni 15 giorni perciò 80 mese colazione pranzo e cena kit igenico e vestiti che non sono sempre usati molto spesso sono nuovi.ogni visita è gratis biglietti autobus e metro gratis. ve lo dico io che ho lavorato in queste strutture.

    • younginforma

      E’ ovvio che tutto ciò che dice è assolutamente FALSO, perché soldi per biglietti per autobus e metro gratis NON CE NE SONO. Vorremmo poi le prove, con ricevute alla mano, di tutti gli altri costi che cita. Altrimenti, converrà, sono solo aria fritta postata da un utente anonimo qualunque che può spacciarsi per chiunque vuole. Io posso commentare firmandomi “Luca” e dire che invece gli immigrati ricevono solo 50 centesimi al giorno perché “ho lavorato in queste strutture”. Siate puntuali e precisi quando scrivete certe cose, oppure evitate di scriverle.

  • Chiara Giannini

    Caro Milite, rincuorati, non cambierò mestiere, prima di tutto perché le passioni non si calmano. Come diceva il mio conterraneo Indro Montanelli, “il giornalismo è una malattia che si aggrava col passare del tempo”. Ti assicuro che chi ne è affetto si nota. Io sono una malata cronica, tu neanche sai cosa sia. Poi, se in Italia ci sono ancora ragazzetti col latte alla bocca che non hanno meglio da fare che sparare a zero contro colleghi ben più formati e di esperienza di loro, serve qualcuno che li “raddrizzi”, dando il buon esempio. E il mio si sintetizza in un: prima di tutto torna sui banchi di scuola, perché oltre che un’accozzaglia di errori, il tuo post è intriso di livore e strumentalizzazione. In terzo luogo perché io appartengo ancora a quella piccola parte di giornalisti sentimentali. Quelli per cui l’odore di carta stampata che si diffonde la mattina all’interno della redazione ha quel che di inebriante. Non credo tu abbia mai lavorato all’interno di un ambiente così. Perché chi lo ha fatto non parla con quella convinzione da sciocchi “sottuttoio”. Ciò che hai scritto rispecchia, purtroppo, una generazione supponente e che non sa mettersi da parte di fronte a chi ne sa qualcosa in più, a chi potrebbe insegnarvi quantomeno un po’ di umiltà. Sai, io non sarò la regina dei siti internet, come te, ma almeno non vado a diffondere su YouTube quei video con la faccia da scemo. Ho di meglio da fare. Però in più di te ho una laurea, diversi viaggi in zone di guerra, in cui peraltro ho rischiato di morire, una famiglia che di fronte alle tue affermazioni ha scosso il capo, come chi si rassegna all’evidenza dell’ignoranza e della mancanza di saggezza dovuta all’età, tanto cafone e maleducato sei stato coi tuoi attacchi elementari. Il mio post ripreso da Salvini, che devi odiare veramente tanto, lo hai peraltro letto molto male. Ripassalo e vedrai che ciò che hai scritto qui sopra ti apparirà sotto un’altra luce e ti cospargerai il capo di cenere, realizzando quanto poco attento sei stato. L’unico consiglio che posso darti è: la fretta è una cattiva consigliera. Ne vuoi altri? Sii più umile, studia, gira il mondo, sii meno arrabbiato con tutti. Se ti fa male non avere una laurea la colpa non è mia, ma tua. Io preferisco i miei 500 euro al mese e un giornalismo di qualità alle tante castronerie che gente come te diffonde su internet pur di avere qualche click e centesimo in più. Chiara Giannini

    • younginforma

      Gentile “collega”
      Mi permetta di risponderle per punti, così da rendere ancora più clamorosa e chiara la pessima figura che sta collezionando da giorni e sperare che magari si plachi ed agisca, in futuro, con maggiore razionalità, dignità umana e professionale nell’affrontare chi non ritiene al suo livello.

      1. Continua a disinformare e a scrivere con penosa malafede. Come chiunque può vedere, infatti, al contrario di quanto sostenuto sulla sua pagina Fan (sulla quale ha provveduto immediatamente a bloccarmi, impedendomi di ribattere), i suoi commenti qui sono approvati e visibili. E’ lei che, consapevole di non poter reggere un dibattito con chi non è politicizzato ed è informato sui temi che grossolanamente tratta, adotta una censura sistematica e totale. Io lascio sempre le persone libere di esprimersi, soprattutto se facendolo non fanno altro che avvalorare le mie tesi. Sarei ottuso e stolto se agissi diversamente.

      2. Per favore, mi cita anche un solo esempio in cui si evince una mia scarsa capacità di scrittura? Qualche sbavatura grave nel mio testo? Errori di sintassi e di grammatica? Sa: nominarli senza citarli è sul serio patetico e molto infantile, a proposito di “bimbi” che puzzano ancora di latte. Sicura di avere 41 anni e molta esperienza pregressa ad averla temprata? No perché ho dibattuto con pre-adolescenti molto più coraggiosi, arguti e soprattutto capaci di sostenere un dibattito senza la necessità di bloccare, offendere e censurare il proprio interlocutore.

      3. La smetta di millantare “missioni di guerra” che non ha mai seguito e di vendersi per più di quanto vale. Conosco colleghi che conoscono la sua vera storia professionale e mi hanno confermato che lei è andata in zone con minimo rischio ed ampiamente scortata dalle forze armate. In più non è mai stata inviata di guerra, poiché mai assunta da nessun giornale.

      4. Se è tanto brava, colta, appassionata e benvoluta, sono certo che il quotidiano di destra con cui collabora, Libero, potrà finalmente regalarle un bell’articolo 1 e dimostrare di essere migliore dei tanti giornali di sinistra che l’hanno solo sfruttata nonostante lei sia meritevole di un Pulitzer.

      5. Quello che lei pensa sulla mia persona e sul mio percorso accademico e professionale, mi creda, conta meno di nulla. E’ un suo parere soggettivo che si fonda su suoi pregiudizi anche abbastanza grotteschi e molto banali e superficiali.

      6. Mi fa comunque un certo piacere, lo ammetto, notare come una “nullità” come il sottoscritto, sia riuscito a colpirla così nel vivo da farle produrre così tanti commenti e considerazioni ed addirittura un post scritto sulla sua pagina fan. Le confesso che la cosa mi lusinga e, insieme al suo pavido fuggire ad ogni confronto documentato sul tema che tratta, mi offre anche una confortante conferma: non mi ero sbagliato nel valutare la sua carente professionalità ed il suo essere una cronista politicizzata in (disperata) ricerca di visibilità.

      Gm

      • Chiara Giannini

        La diffamazione, caro Milite, è un reato. Che sarò ben felice, oggi stesso, di segnalare agli organi competenti.

        • younginforma

          Oh bene. Vedo che come al solito i suoi argomenti, cara Giannini, fioccano e vedo che ha risposto puntualmente a tutti i miei quesiti sulle sue “missioni di guerra”. La prego, per la sua dignità professional, non faccia come i politici beccati con le mani nella marmellata e, invece di minacciare querele e segnalazioni varie, RISPONDA nel merito dei legittimi dubbi esposti sulla sua carriera nei territori di guerra. E comunque, in quanto a diffamazione, da lei possono prendere lezioni, con aggiunta di violazione della carta di Roma, della deontologia professionale e di incitamento all’odio razziale.

          Insomma: le ripeto che non mi pare molto lucida nei suoi commenti e nelle sua azioni. Rischia querele e segnalazioni disciplinari e dovrebbe capirlo, data la sua enorme esperienza internazionale.

          La invito nuovamente a placarsi e ad accettare il fatto che possa esistere qualcuno con un’idea di giornalismo ed informazione diversa dalla sua.

  • Eugenio Bongiorno

    Che articolo penoso!!
    Guardi che a me quanto mi costano, non è che mi cambia sapendo cosa gli mettono in tasca al giorno ed invece quanto si spende per mantenerli con un tetto, riscaldati e vestiti.
    Entrambe le spese gravano sulle mie tasche e mi fa ancora più rabbia se penso che molti pensionati, dopo che hanno pagato per una vita le tasse, magari si sono ammalati, di pensione prendono la metà, vivono di stenti, pagano pure i ticket e non telefonano a gratis.
    Ma si rende conto della fesseria che ha scritto??
    E poi lei a il coraggio di parlare di demagogia??
    Ma si rilegga, faccia la cortesia, si faccia un’esame di coscienza se è onesto intellettualmente.

    • younginforma

      Il saldo è in POSITIVO, se consideriamo spese per i profughi/immigrati e introiti garantiti dai contributi pagati e dalle pensioni assicurati ad italiani come lei. Quindi si tranquillizzi e ringrazi queste persone, che la mantengono e le riempiono le tasche pur subendo il suo bieco e vergognoso razzismo e la sua imbarazzante ignoranza.

      Di penoso qui c’è lei. Ma se se ne rendesse conto, smetterebbe di esserlo. La questione è appunto avere consapevolezza della propria pochezza.

      Per i pensionati che pagano una vita le tasse e ricevono pensioni da fame, non passi più per povero sempliciotto manipolabile e se la prenda con chi ha rubato quei contributi previdenziali per decenni, non certo con i rifugiati di guerra ai quali è già stato tolto tutto.

      • Eugenio Bongiorno

        I contributi e le risorse dei pensionati, sono stati rubati dalla gente come lei che vive di teologia non essendo neanche stati in grado di divenire un volgarissimo prete,
        Quindi se la matematica non è opinione, anche se nel suo caso le tabelline le sarebbero già state sufficienti per comprendere le castronerie che scrive e quelle che continua qui a scrivere in questo commento, i 35€ al giorno e non 30€ come erroneamente scrive risultando anche avulso all’informazione di cui tanto se ne va vanto, sono soldi dei cittadini di cui la maggioranza non ha mai dato assenso per quell’impiego.
        Quindi se lei vuol fare il benefattore per pulirsi l’animaccia nera o per guadagnarsi qualche paradiso da teologo mancato, la prima regola che deve imparare è di farlo con i suoi soldi e con le sue disponibilità, e non si azzardi di imporre le sue farneticazioni agli altri, poiché nel metodo che utilizza ricordo molto quello utilizzato dai fascisti, che poi porti la maglietta della squadra del cuore rossa o nera, nulla cambia visto che il metodo lo condividete entrambi alla grande senza distinzione di sorta.
        E si ricordi che fare i benefattori con il portafoglio degli altri siamo tutti capaci, non avevamo bisogno che arrivasse lei fresco e trullo a spiegarcelo, quindi lei è liberissimo assieme ai suoi simili di fare quello che vuole e che le pare, io sono per la libertà assoluta a differenza di lei, ripeto però sempre e solo a sue spese e comunque come prevede la costituzione, senza arrecare danno diretto oppure indiretto alla società con i suoi deliri, perché fino a prova contraria, del suo operato lei risponde alla società e a questo stato che le piaccia oppure no, e non a entità divine, a divinità che lei crede reali e neppure a etnie che risiedono a diecimila chilometri di distanza.
        Se lei si sente più affine a loro che a questa società, faccia anche la cortesia, si trasferisca lei da loro e gli insegni le sue mirabolanti verità. così facendo diventeranno i primi del mondo come lascia intendere e che sicuramente si sente tale, e non trasferisca invece tutti i pusillamini che scappano dalle guerre che lei stesse alimenta però ben seduto e comodo sul divano.
        Ce ne faremo una ragione mi creda, nell’aver perso tale mente eccelsa pur portando venia se proveremo felicità nell’averla persa per fini ben più nobili che rimanere in mezzo a noi poveri ignoranti !!
        Non perda tempo tempo, se è solo una questione di spese di viaggio ce lo faccia sapere, vedremo di soddisfare i suoi desideri, che caso mai non lo avesse capito …. anche noi desideriamo che possa fare un buon viaggio !

  • Tab

    I problemi sono due: o la gente commenta gli articoli senza neanche leggerli, oppure molti soffrono del cosiddetto analfabetismo funzionale. Ciò sta a significare che non hanno le capacità di comprendere quello che leggono e in particolare non c’è la capacità di quantificare e dare le giuste proporzioni a fenomeni espressi in “grandi numeri” slegando l’analisi dalla propria dimensione per forza di cose limitata al quotidiano.
    in ogni caso lo scenario è preoccupante, sarà mica che gli immigrati oltre che i soldi ci stanno rubando anche l’intelligenza?

  • Giorgio Maurizio Bianchetti

    Buongiorno, vorrei poter visionare le rilevazioni statistiche su cui si basa il Suo articolo,dato che non è stato fornito alcun rimando a fonti autorevoli (eurostat, istat) europee e/o nazionali, senza le quali non si può verificare la veridicità di quanto scritto.
    Cordialmente.

  • pyramid clinic

    All’attenzione,

    Benvenuti a Piramide Medical Center

    Sei interessato a vendere la vostra rene per superare tutti i vostri problema finanziario, Benvenuti a Piramide Medical Center. Offriamo
    gratuitamente, nessuna assistenza obbligo di pazienti internazionali
    trovare fuoriclasse mondiale cure mediche Grandangolo. specializzati
    per il trattamento medico di alta classe come Cardiochirurgia, Cancer
    Care, intervento chirurgico di fusione spinale, chirurgia sleeve
    gastrectomy, e altri importanti interventi chirurgici. Piramide
    Medical Center offre un pagamento e di qualità senza pari di favore in
    quanto ha gli ospedali di classe mondiale e addestrato a livello globale
    e chirurghi in tutta ogni specialità sperimentato. Sia
    che si stanno prendendo in considerazione un intervento chirurgico di
    sostituzione del disco cervicale, chirurgia del tumore al cervello,
    intervento di sostituzione della valvola cardiaca, o il trattamento del
    cancro alla prostata in, offriamo supporto e servizi per facilitare la
    cura avete bisogno. Siamo in grado di aiutarvi a trovare il miglior ospedale cuore, ospedale FIV, o meglio ospedale oncologico. contattaci subito via: pyramidmedicalcenter@gmail.com
    Buona fortuna

    Una
    volta che si decide, vi aiutiamo a pianificare gli appuntamenti, e
    anche il nostro centro medico sarà fondi tutto il disegno di legge
    necessarie tranne la registrazione dei donatori, che saranno ordinati
    per voi. Buona fortuna.

    MELISSA GRAHAM
    PIRAMIDE MEDICAL CENTER

  • nacka51

    Discussione inutile. Chi non vuol capire non capisce. Chi è razzista rimane tale.