“Legge anti-gay” in Russia. Omosessuali protestano, 20 arresti

Contattami
Pubblicato il 11 giugno 2013

Duma gay La “legge anti-gay” prevista oggi in seconda e terza lettura alla Duma di Stato russa che vieta la promozione di “comportamenti sessuali non tradizionali” tra i minori, scatena le proteste degli omosessuali.

Durante la manifestazione di protesta organizzata dagli attivisti per i diritti dei gay 20 persone sono state arrestate. Gli omosessuali, che vivono già una situazione molto difficile in Russia, temono che dopo l’approvazione di queste leggi l‘omofobia diventi ancora più diffusa. Negli ultimi mesi due giovani gay sono stati uccisi brutalmente a causa delle loro preferenze sessuali.

Anche da Washington Human Rights Watch ha chiesto a Mosca di non approvare la legge, definendola “una discriminazione e una violazione dei diritti umani fondamentali delle persone LGBT. Cercare di escluderli come ‘non tradizionali’ è cercare di renderli meno che umani. È cinico, ed è pericoloso”.

Ma secondo un recente sondaggio Tsiom, l’88% dei russi sostiene la legge, il 7% è contrario.
Il testo della norma, che secondo i suoi promotori serve a difendere i bambini dalla propaganda che “nega i valori familiari tradizionali” e prevede multe fino a un milione di rubli, particolarmente severe per internet e gli stranieri, è stato emendato diverse volte dopo la prima lettura cancellando il termine “propaganda omosessuale”. I gay pride sono vietati solo se svolti in luoghi accessibili ai bambini.

Il presidente Vladimir Putin ha dichiarato di recente di essere favorevole a un eventuale bando alle adozioni di orfani russi da parte di coppie gay. Ma secondo il commissario per i diritti umani russo Vladimir Lukin “un’applicazione crudele e imprudente della legge potrebbe portare a perdite e tragedie umane”.

Jeff Buckley - Hallelujah
Music zone: i migliori successi musicali mondiali selezionati per te
0
PER APPROFONDIRE Tags , , , ,

Social score

79
Contattami